Conferenze, corsi, seminari

soldati di leva: le carte militari raccontano la terra gli uomini e la guerra

I documenti d'archivio sono un patrimonio comune da conoscere. L'archivio di Stato di Vicenza li conserva e racconta ai cittadini storie di uomini, di paesi e di guerra

Domenica 10 novembre ore 16,00, Altissimo (VI), incontro con i cittadini.

L'iniziativa ha lo scopo di valorizzare come beni culturali i documenti d'archivio e di promuoverne la conoscenza insieme con quella dell’Archivio di Stato che li conserva portando l'istituto stesso dai cittadini. Verranno così realizzati una serie d'incontri in alcune località della provincia di Vicenza. Altissimo apre questo ciclo. Il Comune è posto nella valle del Chiampo, nel cuore della Lessinia una ridente piccola regione tutta da scoprire. L’incontro si svolgerà nella sala consiliare del Municipio, in via Roma 1. Dopo un breve saluto da parte del Sindaco, l’avvocato Valeria Antecini, verrà presentata la banca dati della Leva dei maschi nati dall'anno 1873 fino al 1895, recentemente pubblicata in internet. In essa sono confluite tutte le informazioni di tipo anagrafico relative ai maschi residenti nei Comuni dell’intera provincia vicentina nel momento in cui vennero chiamati alla visita di leva e cioè 20 anni dopo la loro nascita, tra il 1893 e il 1915. Vi si accede liberamente; si potrà cercare e scoprire un antenato dimenticato ricomponendo la storia familiare, conoscere i mestieri di una volta, le residenze, ricostruendo i pezzi di una storia comune. In anteprima sarà illustrata anche un'altra banca dati, che al momento, è ancora in formazione. Vi sono inseriti i nominativi estratti dai registri dei Ruoli matricolari. Su di essi veniva annotato il servizio militare effettivamente prestato dal soldato; abbiamo dedicato questo primo nuovo lavoro ai ragazzi della classe del 1899, che ancora diciottenni furono costretti a raggiungere  i diversi fronti sui quali si combattè la Grande Guerra.